Report

Realizzazione e completamento della ciclabilità Asseminese attraverso il controllo dei finanziamenti, versati e stanziati, vari controlli effetuati in prima persona, controllo dei futuri progetti di miglioramento e ampliamento del progetto, e inoltre confronti con gli enti interessati.
Il progetto è partito insieme all'aiuto degli esperti e del docente coordinatore, analizzando i dati contenuti nel portale di OpenCoesione. Successivamente è stato fatto un sopralluogo per verificare le condizioni della struttura, i miglioramenti fatti, i miglioramenti che sarebbero potuti essere fatti. Dopo i primi passi, ci siamo recati in provincia per intervistare l'Ingegnere Camoglio. Come step semi-conclusivo, abbiamo somministrato un questionario ai ragazzi dell'ultimo triennio e ai docenti del nostro istituto. Infine abbiamo realizzato un video di 3 minuti per raccontare il nostro progetto.
L’obbiettivo da portare a termine è quello di visitare la scuola elementare del comune per accertarsi che la struttura sia effettivamente stata ammodernata secondo le direttive del fondi europei. Siamo partiti studiando il progetto stesso, i dati che esso disponeva e abbiamo visitato la struttura accertandoci che il progetto sia andato a buon fine intervistando anche coloro che sono parte attiva all'interno dello stesso.
The project that we have decided to monitor is about the restoration of the apollo theatre, one of the most interesting theatres on the architecture scene of salento. The apollo theatre was born in xx century, built by vincenzo cappello, sent to the city on the 15th of may 1912. It was inaugurated  on the 4th  december 1926 with the projection of the film “gli ultimi giorni di pompei”. It was used as a cinema and as a theatre, but it closed its curtains for the last time in 1986. On the 27th of november 2003 the townhall bought the theatre from the cappello heirs for an estimated cost equal to € 3,500,000.00. On the 22nd of december 2003 the project for the restoration of the theatre was approved, but the work only started on the 5th of june 2008. For this, in the programme agreement  “beni e attività culturali”, funded by the region of puglia, € 7,000,000.00 were allocated (cup:c27e06000000006) to which the townhall cofinancing of €2,500,000.00 was added (cup:c83j14000060001). The new funding was sourced from the resources freed up by the region from the vast area programmes. Following the invitation to tender, the economic framework of the intervention was riformulated,based on the actual costs preempted contracting firm. It should be noted that on opencoesione.gov it refers to different funding(cup:b87e08000020002) the works that should have finished within a few years left for 10 long years, a large construction site in the historic centre in one of the most visited cities in the south of italy.
“Progetto Stazione Ostiense”Il progetto, cofinanziato con il POR FESR Lazio 2007-2013 Asse III, si inserisce in un Accordo quadro tra Regione Lazio e Rete Ferroviaria Italiana volto all’incremento dell’offerta di trasporto ferroviario, alla maggiore accessibilità ai servizi e alla diminuzione dei tempi di spostamento, e riguarda l’adeguamento della Stazione Ostiense ai treni di nuova generazione e alle esigenze dell’utenza.Ai fini di una maggiore regolarità di marcia dei treni e una maggiore accessibilità anche per le persone con disabilità e per gli anziani, i programmatori regionali e i beneficiari hanno ideato un intervento di tipo infrastrutturale consistente principalmente nel rialzare il marciapiede n. 1 e dei marciapiedi compresi tra i binari 4-5 e 6-7 facendoli arrivare al livello di accesso ai treni. Tali interventi sono stati considerati una parte essenziale per il potenziamento delle linee della Regione Lazio, in particolare il rifacimento delle banchine e il loro allungamento può consentire sia una maggiore velocità nell’incarrozzamento, sia la possibilità̀ di utilizzare diversi e più lunghi convogli, esaltando i benefici derivanti dal parziale raddoppio delle linee e l’adeguamento tecnologico della infrastruttura. 
Il progetto che abbiamo scelto si chiama "Riqualificazione tecnica ed architettonica dell’autostazione di Piazza Matteotti”. Il CUP del progetto è F24E10000240002. La categoria di appartenenza è quella delle infrastrutture ed appartiene alla sottocategoria riguardante la ristrutturazione; inoltre appartiene anche alla categoria dei trasporti, più specificamente alla sottocategoria dei trasporti urbani. È importante specificare che la Priorità QSN è "Competitività e attrattività delle città e dei sistemi urbani". L'Obiettivo generale QSN è "Promuovere la competitività, l'innovazione e l'attrattività delle città e delle reti urbane attraverso la diffusione di servizi avanzati di qualità, il miglioramento della qualità della vita, e il collegamento con le reti materiali e immateriali." L' Obiettivo specifico QSN è "Sostenere la crescita e la diffusione delle funzioni urbane superiori per aumentare la competitività e per migliorare la fornitura di servizi di qualità nelle città e nei bacini territoriali sovracomunali e regionali di riferimento." Per quanto riguarda il programmatore si tratta della Regione Autonoma della Sardegna, mentre l'attuatore è l’azienda ARST S.P.A
Fin dall'inizio di marzo abbiamo proceduto a contattare anche formalmente il livello amministrativo e poi politico competente per i lavori della metropolitana CZ. Ci siamo rivolti al responsabile unico del procedimento, l’Ing. Salvatore Siviglia, poi ancora all’assessore Roberto Musmanno. La cerchia è stata allargata sino al sindaco, contattato attraverso l’ufficio comunale. Eccetto che dall’Ing. Siviglia, il quale ci ha riferito la sua impossibilità a riceverci in quei giorni, salvo non rispondere al nostro tentativo successivo, né dall’assessore né dal sindaco abbiamo ricevuto risposta. Occupati in altri procedimenti? Soffocati da troppe email? Di certo non abbiamo potuto ricevere  informazioni e pareri dai livelli politico-amministrativi  competenti. Diversa la situazione col prefetto Latella, intervistato in collaborazione con la Web Tv della nostra scuola in occasione della visita del ministro dell’istruzione Valeria Fedeli. Dal prefetto abbiamo ottenuto risposte altamente positive, che confermano la validità del protocollo di legalità: “[…] la criminalità organizzata è un blocco sul fronte dello sviluppo del territorio” ha affermato testualmente, e noi non possiamo che condividere appieno. Ha lasciato sperare la sua posizione in relazione all’avanzamento dei lavori sulla tratta metropolitana, perlomeno per quanto riguarda le opere di cantierizzazione e di sondaggio dei terreni, attività preliminari per l'attuazione del progetto vero e proprio. Incoraggiante il suo sostegno alla nostra attività di monitoraggio civico, essenziale per noi ragazzi che fra pochi anni ci ritroveremo fuori dalla scuola faccia a faccia col la realtà che stiamo costruendo anche da qui.
Obiettivo principale del progetto di ricerca è di proporre un sistema di trattamento integrato includente fasi fisiche,chimiche e biologiche per la rimozione di contaminanti da rifiuti liquidi da attività di navigazione, incluse le acque di sentina e acque di lavaggio in particolare dei serbatoi delle petroliere, prodotti da attività di navigazione e trasporto marittimo. Il nostro compito è stato quello di monitorare i costi e i fondi stanziati per questo progetto e capire anche se la cittadinanza fosse a conoscenza del progetti STI-TAM e anche a conoscenza degli open data attraverso l'utilizzo di strumenti di navigazione come i sondaggi.
Il progetto si è  preposto l'obiettivo di creare i presupposti attuativi della realizzazione di una ordinaria manutenzione del ponte Giovanni XXIII, in Sabaudia. I destinatari del progetto sono stati gli enti locali e in particolar modo le persone che non avevano avuto la possibilità di conoscere i punti critici della manutenzione in atto e da continuare. Gli esperti ingegneri dell'ufficio preposto si sono resi disponibili a future collaborazioni.
(325) Next