Validato

REALIZZAZIONE CCR COMUNE DI MARTINA FRANCA

ViviMartinaF -

standard May 28, 2018, 2:40 p.m.

Codice Unico Progetto (CUP)
J94B14000220002
URL OpenCoesione
http://www.opencoesione.gov.it/progetti/1pufe2500329/
Descrizione del progetto monitorato
Il progetto di "Adeguamento e ristrutturazione dei Centri Comunali di Raccolta", in località Ortolini e Zona Industriale del Comune di Martina Franca, si inserisce nel più ampio piano di dotarsi  di  un  sistema  di  raccolta  e  smaltimento  che possa,  in  maniera  efficiente,  far raggiungere alte percentuali di raccolta  differenziata dei rifiuti urbani e ridurre quindi i quantitativi di rifiuti che vengono smaltiti sotto forma indifferenziata.
I due Centri Comunali di Raccolta sono stati inglobati nella gestione dei servizi di raccolta e smaltimento appaltati per l'ARO TA 2, a cui Martina Franca appartiene, alla società MONTECO S.r.l.
Il progetto, focalizzato sul tema della raccolta differenziata dei rifiuti “porta a porta” in città, 16407 utenze domestiche, e nell’agro,  295,42 Kmq e 11961 utenze domestiche, distribuite nella zona rurale e nelle contrade, è stato vivisezionato con la motivazione principale di accrescere le competenze sulle tematiche:
  •  ambientali;
  • di sviluppo del territorio offerte dalle politiche di coesione;
  • dei processi amministrativi degli Enti pubblici;
  • di attuazione della “Carta della cittadinanza digitale” per garantire ai cittadini e alle imprese il diritto di accedere a tutti i dati, promuovere la cultura degli open data,  sensibilizzare il territorio per migliorarne la fruibilità e incentivarne il riuso;
  • • legate alle richieste di piena cittadinanza e di vita adulta finalizzate a rimettere al centro
  • la persona, con i suoi bisogni e le sue ambizioni;
  • inerenti legalità, trasparenza e accesso civico agli atti della Pubblica Amministrazione.
Obiettivo è quello di  promuovere uno stile di vita per affermare una visione di città:
  • vificata dalla partecipazione civica dei cittadini parte integrante e  attiva di un sistema culturale ed economico che agisce come Comunità;
  • sostenibile  ottimizzando  l’uso  delle  risorse, riducendo l’impatto  ambientale, mantenendo  la  crescita  economica  e  la  qualità  della vita, garantendo i diritti di tutti i cittadini ed in particolare dei più svantaggiati.
Giudizio sintetico
Concluso e inefficace
Stato di avanzamento del progetto sulla base delle informazioni raccolte
Da una news pubblicata sul portale istituzionale abbiamo appreso della effettiva conclusione del progetto e da una telefonata al RUP dei pagamenti conclusi nel 2016, ciò in difformità a quanto pubblicato su opencoesione.it (25%).
Abbiamo voluto approfondire nella sezione Amministrazione Trasparente, sezione Bandi di Gara e Contratti, alla ricerca dei dati sulla procedura di gara, sezione  Anticorruzione comma 32 art.1 Legge 190 /2012 - Pubblicazione Bandi, per ottenere l’elenco dei partecipanti, ma alla sezione non è stato possibile accedere per tutto il periodo di ricerca.
Essendo tali dati pubblicati in formato xml per ogni annualità abbiamo aperto i file relativi al 2015(http://bit.ly/2ARSeyJ) e 2016(http://bit.ly/2DoW2dM) riscontrando un solo pagamento di € 4642,00 nel 2015  e nessun pagamento l’anno successivo.
Abbiamo successivamente approfondito intervistando il Dirigente e i funzionari comunali responsabili che ci hanno fatto visionare solo documenti cartacei contenuti in un voluminoso faldone.
Le ragioni del mancato aggiornamento dei dati sia a livello di portali nazionali che di quello istituzionale non sono state chiarite in quanto i funzionari intervistati hanno dichiarato di aver inviato quanto di loro competenza ai fini della pubblicazione.

Risultato del progetto (se il progetto è concluso, quali risultati ha avuto?)
Il progetto è da ritenersi concluso per i lavori effettuati ai fini dell'adeguamento e della ristrutturazione, documentato da regolare attività di collaudo corredata da dossier tecnico, ma non può ritenersi tale per le finalità generali che lo vedevano inserito nel nuovo appalto sia come Centro di Raccolta Rifiuti Particolari che come Isola Ecologica a supporto della raccolta differenziata dell'agro circostante.
Inefficace risulta essere l'attività a sostegno dei servizi del nuovo appalto rispetto a quanto atteso e auspicato dall'Amministrazione appaltante rispetto a quanto documentato negli atti di gara.
Punti di forza (cosa ti è piaciuto del progetto monitorato?)
L'idea di rigenerare e rifunzionalizzare due aree e strutture degradate elevandole a centri di sostegno primari dell'intero piano dei servizi di raccolta per l'intera città e per il suo agro.
Debolezze (difficoltà riscontrate nell'attuazione/realizzazione del progetto monitorato?)
L'amministrazione appaltante, intesa come servizi comunali amministrativi e tecnici, si è dimostrata largamente impreparata a gestire un sistema di notevole complessità sui piani tecnico, amministrativo, comunicativo, tecnologico-innovativo.
Infatti inadeguate ci sono sembrate le risposte ricevute dalla componente amministrativo-gestionale alle nostre richieste di comprendere l’iter amministrativo seguito dal progetto e il suo attuale stato, le ragioni del mancato aggiornamento dei dati sia a livello di portali nazionali che di quello istituzionale, come viene condotta l’attività di monitoraggio per rilevare eventuali omissioni e da chi, come vengono elargite premialità per meriti e sanzioni per eventuali
inadempienze, così come documentato dall'audio-intervista rilasciata, in quanto non autorizzata una video-intervista, (http://bit.ly/2GjDH2x).
Rischi futuri per il progetto monitorato
Il rischio che si paventa è legato alla possibilità che i due Centri Comunali rimangano mega contenitori di rifiuti di passaggio verso i centri di recupero e smaltimento senza assicurare una gestione informatizzata delle varie tipologie e una registrazione per conferente ai fini di promuovere una tariffazione che promuova i cittadini virtuosi (TARI puntuale).
Soluzioni ed idee da proporre per il progetto monitorato
Il Team di monitoraggio civico intende fattivamente contribuire all’attuazione del piano di comunicazione previsto per sensibilizzare e comunicare le modalità e l'importanza del nuovo servizio proponendosi per realizzare video divulgativi, partecipare a giornate ecologiche in piazza, movimentare attività ludico-didattiche per i più piccoli, implementare un bot Telegram sui servizi di raccolta differenziata che diventa così lo sfondo contenitore della immagine del racconto della ricerca.
Come hai raccolto le informazioni
Intervista con responsabili del progetto
Come hai raccolto le informazioni
Raccolta di informazioni presso il soggetto attuatore
Come hai raccolto le informazioni
Intervista con altre tipologie di persone
Come hai raccolto le informazioni
Raccolta di informazioni via web
Come hai raccolto le informazioni
Intervista con gli utenti/beneficiari dell'intervento
Come hai raccolto le informazioni
visita diretta
Chi è stato intervistato? Che ruolo ha la persona nel progetto? (es. gestore, funzionario comunale, cittadino informato….)
Stefano Coletta, Vicesindaco con delega all'ambiente (Referente politico)
Ing. Giuseppe Mandina, Dirigente Settore Lavori Pubblici
Ing. Cosimina Ligorio, Posizione Organizzativa Responsabile Ambiente
Geom. Alfonso Mansueto Funzionario Lavori Pubblici
Diversi cittadini informati e/o appartenenti ad organizzazioni ambientalistiche
Avremmo voluto intervistare rappresentati della società di gestione rifiuti MONTECO S.r.l. ma la società alla data del rapporto non ha autorizzato alcun dipendente pur in presenza di istanze pervenute dal Team ASOC e dal Vicesindaco Coletta.
Di seguito le domande che avremmo voluto formulare e che inoltreremo al Protocollo Generale del Comune di Martina Franca, destinatario il Sindaco dott. Francesco Ancona
  1. In considerazione della recente eliminazione dei cassonetti  dall’agro con utilizzo dei Centri anche come collettori di raccolta differenziata dei rifiuti del territorio circostante, per quante ore al giorno è presidiato il Centro da un operatore?
  2. Quale tipologia di rifiuti l’operatore raccoglie e registra?
  3. I rifiuti che arrivano vengono classificati e registrati ed eventualmente come?
  4. L’iter di registrazione prevede autenticazioni digitali riconducibili al conferente?
  5. Sono previste delle statistiche di uso differenziate dei due centri e/o per tipologia di conferimento ed eventualmente come vengono comunicati i dati ai cittadini?

Link alle fonti utilizzate per il report
https://www.comunemartinafranca.gov.it/index.php?option=com_content&view=article&id=2078&catid=279&Itemid=319
Link alle fonti utilizzate per il report
https://t.co/uCEuG2DNfO
Link alle fonti utilizzate per il report
http://www.sit.puglia.it/portal/portale_orp/Osservatorio+Rifiuti/Osservatorio+Rifiuti+Cittadino/RSU+per+Comune/OrpCittadinoWindow?entity=rsucomune&action=e&windowstate=normal&action_com=comune&comune=073013&mode=view
Link alle fonti utilizzate per il report
http://www.catasto-rifiuti.isprambiente.it/index.php?pg=detComune&aa=2016®id=16073013
Link alle fonti utilizzate per il report
https://www.comunemartinafranca.gov.it/index.php?option=com_content&view=article&id=2078&catid=279&Itemid=319
Link alle fonti utilizzate per il report
https://www.comunemartinafranca.gov.it/index.php?option=com_content&view=article&id=1556&catid=242&Itemid=109
Link a video (es. YouTube)
https://t.co/CSpD6f2RqF
Link a video (es. YouTube)
https://youtu.be/E_G9KymNNs8
Domande agli intervistati
In quale contesto si inserisce il progetto di adeguamento dei CRR e quali altre eventuali iniziative sono state intraprese per promuovere la cultura della raccolta differenziata? (Vicesindaco con delega all'ambiente, Stefano Coletta (Referente politico)
Ingegnere,nella nostra analisi abbiamo rilevato che il progetto è al 25% del suo stato di avanzamento con pagamenti rendicontati per euro 49.639,50 (fonte OpenCoesione.gov.it) come mai i dati del portale non sono aggiornati,come altri progetti attuati dal comune di Martina Franca? (Dirigente Settore Lavori Pubblici, ing. Giuseppe Mandina, P.O. Ambiente, ing. Cosimina Ligorio, Responsabili Progetto)
Dalla nostra analisi non abbiamo rilevato nella sezione amministrazione trasparente i dati obbligatori relativi all’appalto per gli anni di attuazione 2015/2016 è una dimenticanza o tali dati sono presenti in altre parti della sezione? (Dirigente Settore Lavori Pubblici, ing. Giuseppe Mandina, P.O. Ambiente, ing. Cosimina Ligorio, Responsabili Progetto)
Risposte degli intervistati
La realizzazione dei Centri Comunali di Raccolta si inserisce in un filone più ampio che è quello dell’avvicinamento della città alla raccolta differenziata spinta, al porta a porta e all’utilizzo delle isole ecologiche. Questo perché per raggiungere determinate percentuali di raccolta differenziata sono necessarie alcune operazioni, di cui la principale è il porta a porta, ma è anche necessario prevedere delle strutture per consentire a chi non è in grado di fare il porta a porta o a chi necessita di smaltire determinati tipi di rifiuti di provvedere.(Vicesindaco con delega all'ambiente, Stefano Coletta (Referente politico)
Probabilmente ci sarà un problema di trasmissione dati tra il MIRWEB e gli altri portali. Noi non abbiamo accesso diretto al portale opencoesione.gov.it  ma inseriamo i dati nel portale MIRWEB della Regione Puglia. La Regione ci approva gli stati di avanzamento di volta in volta e dovrebbe comunicare essa gli aggiornamenti agli altri portali. Noi abbiamo mandato alla Regione via MIRWEB lo stato finale. Noi aggiorniamo i dati anche sul sito dell’ANAC. (Dirigente Settore Lavori Pubblici, ing. Giuseppe Mandina, P.O. Ambiente, ing. Cosimina Ligorio, Responsabili Progetto)
Il nostro è un intervento che non rientra nell’Amministrazione Trasparente, ma nell’Anticorruzione. Al limite tale incombenza è a carico dell’Ufficio Appalti e Contratti. (Dirigente Settore Lavori Pubblici, ing. Giuseppe Mandina, P.O. Ambiente, ing. Cosimina Ligorio, Responsabili Progetto)

File