Validato

Centro studi

Abbilas -

standard April 14, 2018, 10:07 a.m.

Codice Unico Progetto (CUP)
B63B01000000009
URL OpenCoesione
https://opencoesione.gov.it/it/progetti/1sa120201iie222pi010002/
Descrizione del progetto monitorato

Il team Abbilas ha lavorato su un progetto di aggregazione sociale della Diocesi di Nuoro, che ha fornito i locali siti in viale Trieste a Nuoro, per permettere a ragazzi in difficolta nello studio di colmare le lacune evidenziate nel corso dell’anno scolastico.

Nel locale è presente una sala studio in cui gli studenti della scuola secondaria di secondo grado, aiutati da docenti di varie discipline, imparano ad acquisire un metodo di studio con lezioni individuali o a piccoli gruppi.

La struttura è diretta da Suor Antonella che insegna inglese e viene coadiuvata nella realizzazione di questo progetto da insegnanti volontari della scuola superiore.

Il team Abbilas ha intervistato Suor Antonella e la Dott.ssa Rosa Canu del comune di Nuoro per avere delle informazioni sul Centro di Aggregazione Sociale e sulla fruibilità del servizio da parte della comunità nuorese e studentesca in generale.

Giudizio sintetico
In corso e procede bene
Stato di avanzamento del progetto sulla base delle informazioni raccolte
Ci siamo recati presso la struttura del centro studi e abbiamo svolto dei questionari anonimi per vedere lo svolgimento dell'attività,è gratuito e procede al meglio con un numero di 20 studenti circa.
Risultato del progetto (se il progetto è concluso, quali risultati ha avuto?)
Il progetto è concluso con risultati positivi,gli studenti vengono seguiti e dopo di che gli insegnanti volontari o le suore si informano dell'andamento degli studenti.
Punti di forza (cosa ti è piaciuto del progetto monitorato?)
Questo progetto è molto utile per gli studenti di scuola media superiore perchè vengono aiutati gratuitamente con un numero di ripetizioni che raggiunge anche le 8 ore settimanali e in questo modo migliorano l'andamento scolastico.
Debolezze (difficoltà riscontrate nell'attuazione/realizzazione del progetto monitorato?)
Per adesso il progetto non ha problemi siamo state in grado di intervistare suor Antonella e l'assistente sociale Canu Rosa del comune di Nuoro.
Rischi futuri per il progetto monitorato
Il futuro del progetto può essere rischioso in futuro in caso dell'assenza di docenti volontari o di studenti.
Soluzioni ed idee da proporre per il progetto monitorato
Far si che il comune di Nuoro diffonda maggiormente l'esistenza di tale centro in modo che studenti e docenti ne usufruiscano e ne vengano a conoscienza.
Chi è stato intervistato? Che ruolo ha la persona nel progetto? (es. gestore, funzionario comunale, cittadino informato….)
E' stata intervista suor Antonella, che si occupa de centro studi e l'assistente sociale Canu Rosa del comune di Nuoro.
Link a video (es. YouTube)
https://www.youtube.com/watch?v=mcRwLQ7AqKI&feature=youtu.be
Domande agli intervistati

Intervista alla dott.ssa Rosa Canu Ufficio Plus distretto di Nuoro

 

·        Buongiorno dottoressa. E’ a conoscenza del centro di aggregazione sociale?

In parte sì. Ritengo che l’attività di questo centro sia molto importante per i ragazzi che hanno difficoltà nello studio.

·        Il comune di Nuoro ha pubblicizzato il centro di aggregazione o comunque lo sostiene economicamente?

No ma ritengo auspicabile un incontro fra il gruppo di volontari che lavorano al progetto e con l’istituzione   comunale, anche a livello politico, per dare maggiore risalto al centro

·        Il comune ha progetti simili?

Il Comune ha progetti simili rivolti ai minori ma soprattutto si occupa di famiglie con difficolta economiche e sociali. Gli operatori del settore si prendono carico anche dei minori con difficoltà nello studio affiancandoli nel percorso scolastico.

·        Pensate di aiutare solo ragazzi con difficoltà familiari o di estendere questo servizio a tutti?

Si se si riuscisse a fare rete con il centro studi di viale Trieste. Sarebbe utile costituire un tavolo operativo con il Comune di Nuoro, la Scuola Superiore e il gruppo di volontari che lavorano con i ragazzi per stabilire le mansioni e avere un protocollo operativo.

In questo modo si renderebbe fruibile il servizio a tutta la cittadinanza scolastica e agli studenti dei paesi limitrofi a Nuoro che frequentano gli Istituti Superiori della città.

·        Il comune ha mai pensato di offrire un servizio simile ai ragazzi con difficoltà scolastiche?

Si lo ha pensato e lo pensa tuttora purtroppo le risorse economiche e quelle umane non sono sufficienti per ottemperare a questa necessità; quindi ribadisco la necessità d ‘una intesa fra istituzioni, docenti volontari e il Comune che farebbe la sua parte.