Validato

S.GIOVANNI LUPATOTO: ATTUAZIONE DEL PIANO AMBIENTALE DEL PARCO NATURALE DI PONTONCELLO

Report di monitoraggio civico

Codice Unico Progetto (CUP)
H16J15000100002
Descrizione del progetto monitorato
L’ “Attuazione del piano ambientale del Parco Naturale di Pontoncello”  (CUP H16J15000100002) ha l’obiettivo principale di salvaguardare biodiversità e qualità dell’ambiente di una area golenale del fiume Adige insistente sui e condivisa fra i territori di tre Comuni limitrofi della provincia di Verona (S. Giovanni Lupatoto, S. Martino Buon Albergo e Zevio). Oltre agli obiettivi più strettamente ambientalistici il progetto intende esplorare e promuovere le possibili sinergie fra tutela naturalistica ed  opportunità di sviluppo economico-turistico e di qualità della vita dei cittadini dell’area e degli ospiti.
Giudizio sintetico sul progetto monitorato
In corso e procede bene
Stato di avanzamento del progetto monitorato sulla base delle informazioni raccolte
Il progetto, giunto quasi al termine, procede bene: i lavori sono quasi interamente completati. Mancano solamente alcuni marginali interventi strutturali ed il completamento della segnaletica, entrambe attività di cui è prevista la conclusione entro il prossimo settembre. Visitando il Parco, abbiamo potuto constatare l' effettiva realizzazione dei lavori previsti entro l’attuale fase di avanzamento.
Risultato del progetto monitorato (se il progetto è concluso, quali risultati ha avuto?)

Gli interventi effettuati sinora sono i seguenti:

  • asportazione delle specie arboree non autoctone con …

  • successivo re-impianto di circa 5000 esemplari di arbusti ed altre  essenze arboree

  • realizzazione di un percorso (ciclabile)  in terra battuta sulla sommità dell’argine golenale

  • realizzazione di un percorso pedonale, transitabile anche da mezzi per disabili, a livello del piede dell’argine

  • installazione lungo tale percorso di una serie di punti di osservazione (bird-watching)

Punti di forza (cosa ti è piaciuto del progetto monitorato?)
  • La volontà dell'attuale amministrazione comunale di valorizzare il Parco;
  • La maggior fruibilità da parte dei cittadini di una zona verde;
  • L'intenzione di preservare il Parco come oasi naturale.
Debolezze (difficoltà riscontrate nell'attuazione/realizzazione del progetto monitorato?)

Una delle difficoltà incontrate per la realizzazione del Progetto è stata la complessità nel raggiungere un accordo fra i tre diversi comuni. Inoltre, il susseguirsi di diverse amministrazioni comunali ha fatto sì che i lavori si interrompessero per qualche periodo.

Rischi futuri per il progetto monitorato
Un rischio futuro potrebbe essere la problematicità della conduzione del Parco.
Soluzioni ed idee da proporre per il progetto monitorato

Suggeriamo di migliorare l’informazione tra i cittadini relativamente alle potenzialità del parco, poiché, anche attraverso le interviste, abbiamo constatato che gli abitanti non sono pienamente consapevoli delle peculiarità della zona di Pontoncello.

Come hai raccolto le informazioni
visita diretta
Come hai raccolto le informazioni
Intervista con gli utenti/beneficiari dell'intervento
Come hai raccolto le informazioni
Raccolta di informazioni via web
Come hai raccolto le informazioni
Intervista con responsabili del progetto
Come hai raccolto le informazioni
Intervista con altre tipologie di persone
Come hai raccolto le informazioni
Raccolta di informazioni presso il soggetto attuatore
Chi è stato intervistato? Che ruolo ha la persona nel progetto? (es. gestore, funzionario comunale, cittadino informato….)

Sono state intervistate diverse persone, sia cittadini informati che dipendi comunali. Inoltre, sono stati intervistati il Presidente del Parco,  alcuni membri dell’amministrazione comunale e il Presidente di Legambiente di Verona.

Link a video (es. YouTube)
Domande agli intervistati
Ha mai frequentato il Parco di Pontoncello? (cittadini)

Quali sono le sue impressioni riguardo il Parco? (cittadini)

Quali interazioni sono presenti tra le valenze ambientali ed economiche del Parco? (responsabile di Legambiente di Verona)
Risposte degli intervistati
Pur non essendo residenti a S.Giovanni Lupatoto, tutti gli intervistati conoscono il Parco e ci sono stati almeno una volta. Il Parco viene utilizzato soprattutto in primavera ed estate per passeggiate, biciclettate, jogging, pic-nic e per trascorrere del tempo con la famiglia. Molti degli intervistati non lo frequentano molto spesso, in particolare, gli anziani, poiché hanno difficoltà nel raggiungerlo.

Le persone ascoltate hanno risposto in modo più o meno omogeneo e positivo. Secondo loro, è una risorsa importante, perché funge da polmone per la città. Alcuni suggeriscono di aggiungere fontanelle con acqua potabile lungo il percorso, sistemare il percorso in terra battuta, non sempre facilmente transitabile da persone con difficoltà motorie, dividendolo per i pedoni e i ciclisti. Altri suggeriscono di pubblicizzarlo maggiormente.

La complessità della vicenda di costituzione e avviamento della realizzazione del parco testimonia la problematicità del coordinamento dell'azione degli enti territoriali in materia ambientale. La chiarezza degli obiettivi e la determinazione nel loro perseguimento dovrebbe guidare l'azione delle amministrazioni e delle forze economiche del territorio in ordine
- alla corretta comunicazione e diffusione tra la popolazione del significato ambientale e culturale oltre che ricreativo dell'area
- alla necessità ma più ancora all'opportunità di coordinare le azioni concrete volte alla tutela dell'ambiente e della biodiversità con le modalità di gestione economica del territorio, in particolare delle attività agricole
- alla pianificazione delle attività di conduzione e mantenimento futuro dell'area e delle iniziative ad essa riferibili
- all'auspicabile connessione fra la specifica realtà del Parco di Pontoncello e le altre iniziative analoghe lungo il corso dell'Adige e nella bassa pianura veronese.