Validato

standard

Codice Unico Progetto (CUP)
I37H07001340004
Descrizione del progetto monitorato
<div><span style='text-align: left; color: rgb(0, 0, 0); text-transform: none; text-indent: 0px; letter-spacing: normal; font-family: "PT Sans",Helvetica,Arial,sans-serif; font-size: 14px; font-style: normal; font-variant: normal; font-weight: 400; text-decoration: none; word-spacing: 0px; float: none; display: inline !important; white-space: normal; orphans: 2; background-color: rgb(255, 255, 255); -webkit-text-stroke-width: 0px;'><span style='margin: 0px; line-height: 115%; font-family: "Calibri","sans-serif"; font-size: 12pt;'>Il progetto da noi monitorato rientra nei<font face="Helvetica"> <span style="text-align: left; color: rgb(0, 0, 0); text-transform: none; text-indent: 0px; letter-spacing: normal; font-size: 14px; font-style: normal; font-variant: normal; font-weight: 400; text-decoration: none; word-spacing: 0px; float: none; display: inline !important; white-space: normal; orphans: 2; background-color: rgb(255, 255, 255); -webkit-text-stroke-width: 0px;">19 interventi del Programma Operativo FESR 2007-2013 della Regione Campania per la città di Aversa, richiesto dal Comune di Aversa che ha svolto il ruolo di programmatore e di attuatore, ed è la riqualificazione di Piazza Savignano e strade limitrofe. Dal portale di OpenCoesione risulta che il&nbsp; finanziamento ammonta a circa euro 1.549,379.00: il 48,64% è stato concesso dal Comune, il 38,52% dall'UE, il 7,12% dal fondo di rotazione (co-finanziamento nazionale) e il 5,72% dalla Regione Campania. Il progetto aveva come obiettivo l'inclusione sociale che prevedeva anche un rifacimento dell'arredo urbano e il conseguente miglioramento della sicurezza e della qualità di vita.</span></font></span></span></div>
Giudizio sintetico
Concluso e inefficace
Stato di avanzamento del progetto sulla base delle informazioni raccolte
I lavori sono conclusi.
Risultato del progetto (se il progetto è concluso, quali risultati ha avuto?)
<div>I risultati raggiunti sono: l'accorpamento della piazza alla canonica della Chiesa S. Giovanni Battista, la&nbsp; realizzazione di un sistema di illuminazione pubblica, l'arredo urbano, il rifacimento della pavimentazione della piazza e delle strade limitrofe e la ridefinizione del senso di marcia.</div><div><br></div><div><br></div>
Punti di forza (cosa ti è piaciuto del progetto monitorato?)
Diversi sono i punti di forza: intanto l'esserci confrontati per la prima volta con dati economici ed aver preso contatti con funzionari della Pubblica Amministrazione, inoltre&nbsp; l'aver avuto l'opportunità di incontrare e conoscere luoghi, storie e persone che fino a ieri ci erano sconosciuti. Ancora, aver compreso l'autentico significato di una cittadinanza attiva e consapevole e infine, pur appartenendo a classi diverse&nbsp;aver imparato a lavorare in gruppo come un vero e proprio team.
Debolezze (difficoltà riscontrate nell'attuazione/realizzazione del progetto monitorato?)
<div>La difficoltà che impedisce l'efficacia del progetto è&nbsp; la reputazione negativa che si ha su quel luogo e sui residenti e la valutazione semplicistica dell'intervento che non è riuscito a ottenere quell'inclusione sociale che era invece il vero nodo dell'intervento.<br></div>
Rischi futuri per il progetto monitorato
<div>Il pericolo è che la piazza continui ad essere anonima, abbandonata a se stessa, e che quelle poche imprese che ancora resistono al degrado&nbsp;possano chiudere&nbsp;i battenti, comportando un impoverimento del tessuto&nbsp;economico e sociale della piazza.&nbsp;Un ulteriore rischio è che il non aver raggiunto&nbsp;l'obiettivo specifico QSN(realizzare condizioni di sicurezza per cittadini ed imprese in un territorio già fortemente caratterizzato da fenomeni criminali) che&nbsp;può aggravare le condizioni ambientali e socio-economiche della piazza.</div><div><br></div>
Soluzioni ed idee da proporre per il progetto monitorato
<ul><li>Il New Lights Team si impegna a strappare dall'amministrazione comunale la promessa di riconsiderare&nbsp;un rilancio di Piazza Savignano attraverso il POR FESR Campania 2014/2020, pertanto a sottoscrivere un patto sociale tra l'amministrazione e la comunità di Savignano.</li><li>Sostenere&nbsp;e promuovere un rilancio di nuove attività commerciali, di ristorazione e di intrattenimento, ciò non solo a fini economici ma, soprattutto, al fine di ottenere una reale inclusione sociale della comunità di Savignano.&nbsp;</li><li>Promuovere l'inserimento nella piazza nei futuri itinerari turistici del Fondo per l'Ambiente Italiano.</li></ul><div><br></div><div><br></div>
Come hai raccolto le informazioni
visita diretta
Come hai raccolto le informazioni
Intervista con gli utenti/beneficiari dell'intervento
Come hai raccolto le informazioni
Raccolta di informazioni via web
Come hai raccolto le informazioni
Intervista con responsabili del progetto
Come hai raccolto le informazioni
Intervista con altre tipologie di persone
Come hai raccolto le informazioni
Raccolta di informazioni presso il soggetto attuatore
Chi è stato intervistato? Che ruolo ha la persona nel progetto? (es. gestore, funzionario comunale, cittadino informato….)
Sono stati intervistati:<br>Don Francesco Riccio, parroco della Chiesa San Giovanni Battista;<div>Ex Sindaco Domenico Ciaramella e l'ex Assessore ai Lavori Pubblici Salvatore Rotunno, in carica durante l'attuazione del progetto;</div><div>l'attuale Assessore ai Lavori Pubblici Michele Ronza e il Capo Ufficio Contratti e Segreteria Generale Gerardo Carratù;</div><div>Dirigente Area Finanziaria Claudio Pirone;</div><div>i residenti e i commercianti del luogo;</div><div>l'Associazione Cattolica Ragazzi e l'Associazione della Madonna Dell'Arco.</div>
Link alle fonti utilizzate per il report
Link a video (es. YouTube)
Domande agli intervistati
<ol><li>Premesso che i lavori di Piazza Savignano risultano conclusi, come mai dal portale di OpenCoesione risulta utilizzato solo il 51% del finanziamento stanziato? (Ex sindaco, Domenico Ciaramella)</li><li>Avendo acceso un mutuo alla Cassa depositi e prestiti, per cosa sono poi stati utilizzati i finanziamenti stanziati dall'UE? (Dirigente Area Finanziaria, Claudio Pirone)</li><li>Secondo lei l'obiettivo dell'inclusione sociale è stato raggiunto? (Don Francesco Riccio, parroco della chiesa S. Giovanni Battista)</li></ol>
Risposte degli intervistati
<ol><li>I soldi utilizzati non facevano parte del finanziamento dell'UE, in quanto il Comune di Aversa ha acceso un mutuo trentennale alla Cassa depositi e prestiti e i lavori sono cominciati prima del Febbraio 2006.</li><li>La somma iniziale era pari a €1.549.370,00, ma in seguito alla gara d'appalto vi è stato un ribasso del 30% .A conclusione dei lavori la somma pagata è stata pari a €978.339,07 compresa di variante. I finanziamenti richiesti all'UE sono giunti soltanto nel 2012. La somma è stata impiegata dal Comune per ripagare la spesa effettuata per la riqualificazione mentre la restante parte è stata utilizzata per finanziare altri lavori pubblici.</li><li>Ad oggi si è sviluppato un forte senso di solidarietà e di appartenenza a questo luogo storico ricco di tradizioni popolari tra cui la devozione alla Madonna dell'Arco. Possiamo definirci dunque una comunità solidale e multietnica; sono i componenti dell'Associazione Cattolica Ragazzi il vero motore di questa comunità.</li></ol>