Validato

Mura di Pisa: restauro e valorizzazione del sistema fortificato.

Report di monitoraggio civico

Come hai raccolto le informazioni
Visita diretta,Intervista con gli utenti/beneficiari dell'intervento,Intervista con altre tipologie di persone,Raccolta di informazioni via web
Descrizione del progetto monitorato
Il progetto di restauro e valorizzazione del sistema fortificato delle Mura prevede interventi sulla cinta muraria che si sviluppano dalla piazza del Duomo situata a N fino alla Cittadella Nuova (Giardino Scotto) posto a SE e fino all’area della Cittadella posta ad O. In particolare i tratti interessati risultano: - Santa Chiara - Torre del Catallo - Torre di Santa Maria (area Duomo) - Porta a Lucca/ Bastione del Parlascio area universitaria ex Marzotto - Piazza delle Gondole - Porta via Garibaldi - area S. Silvestro/ Lungarno/ Giardino Scotto - area Cittadella - bastione San Giorgio. Nel tratto delle mura poste a S, (zona piazza Vittorio Emanuele e zona Arno adiacenti alle aree ex C.P.T. e Largo Stampace) è programmato un intervento di restauro e riqualificazione da realizzare con fondi provenienti da Fondazioni Bancarie (Fondazione Cassa di Risparmio di Pisa) e con l’operazione in corso già approvata per la realizzazione della Sesta Porta posta a S (stazione autobus). Il finanziamento della Fondazione colma una lacuna per quanto riguarda i lavori di riqualificazione delle antiche mura. Il progetto del Piuss, infatti, non prevedeva né il tratto del Bastione Stampace né quello di via Bixio interessato dai lavori per la Sesta Porta. Senza l’intervento della Fondazione quello del Bastione sarebbe stato l'unico tratto di mura non recuperato (http://tinyurl.com/krwyk5y) Il recupero e la valorizzazione delle mura si realizza anche attraverso il ripristino di una fascia di rispetto, e quindi di una “promenade architecturale”, sia interna che esterna, ricostruendo una situazione originaria che ne permetta la completa fruizione. Oltre al restauro delle Mura, sono previsti anche i seguenti interventi: - accessibilità ai camminamenti in quota con strutture di salita poste all’interno di torri bastioni o strutture esistenti, o con la realizzazione di nuove scale in legno (e con impianti di abbattimento delle barriere architettoniche); - realizzazione di un impianto di illuminazione della cinta muraria con utilizzo di lampade a basso consumo energetico - realizzazione di una pista ciclopedonale lungo la cinta muraria che fungerà da collegamento fra Porta a Lucca e il centro storico (San Francesco) attraverso la porta all’altezza dell’ex Marzotto; - bonifica di aree con fabbricati abusivi e creazione di aree a verde; - realizzazione di un impianto di videosorveglianza; - saggi, campionature e rilievi archeologici.

Links